Archivio delle categorie Robotica

Alternanza scuola lavoro: una grande opportunità!

A scuola era ora di decidere riguardo al percorso di alternanza scuola lavoro, quella che si chiama stage, quello che tutti i ragazzi delle superiori nel triennio sono obbligati a fare.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! scrivania officina

Ovviamente per come sono fatta io e per tutte le esperienze che ho già fatto, non volevo fare il classico stage inutile che troppi ragazzi fanno, quello in cui vai al bar o a fare fotocopie.

Un sacco di persone intorno a me dicevano: visto che i tuoi genitori lavorano in proprio, sei fortunata: puoi andare a fare lo stage da loro a casa.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! macchinari officina

E’ brutto che un’opportunità come l’alternanza scuola lavoro venga solo vista come un non fare niente o peggio ancora in negativo, un modo di essere sfruttati, visione che troppo spesso è alimentata da insegnanti e genitori.

Stage di alternanza scuola lavoro

Per me lo stage di alternanza scuola lavoro non era semplicemente occupare il tempo facendo il meno possibile, ma – come sempre – cercavo di fare esperienze nuove, scoprire mondi diversi, abitudini e soprattutto approcciare aziende diverse rispetto a quelle che ero abituata a vedere nel mio piccolo.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! in officina

Alla ricerca di un’azienda per l’alternanza scuola lavoro

Così, come faccio di solito, ho cominciato a scrivere mail ai miei contatti, a cercare online, a pensare a luoghi interessanti dove svolgere la mia alternanza scuola lavoro. Mi imbatto così nella Ficep.

E’ una multinazionale e avevo conosciuto ad un evento l’amministratore delegato.

Il seguito è stato facile: gli ho semplicemente scritto una mail.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! macchinari robot

Ad essere sincera non mi aspettavo una risposta: io a 16 anni che scrivo una mail ad un adulto e ad una persona così importante… non mi risponderà mai.

Invece lui, nonostante i suoi impegni in giro per il mondo, dopo pochissimo mi ha risposto e soprattutto si è dimostrato contentissimo di avermi per due settimane in azienda, nonostante tutti i problemi che la mia presenza causava: normativi, assicurativi, logistici, di tutor,…

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! software macchinari ingegneri robotica

Primo giorno da stagista

Io ovviamente ero contentissima e non vedevo l’ora di cominciare. Mi sono preparata comprandomi il mio primo paio di scarpe antinfortunistiche!

Sì perché avevo chiesto ed ottenuto di lavorare direttamente in officina per la mia esperienza di alternanza scuola lavoro.

Ovviamente le mie scarpe erano diverse e personalizzate: guardate un po’ le stringhe: vi piacciono?

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! le miei prime scarpe antinfortunistiche

La Ficep è un’azienda enorme che produce macchinari per la lavorazione dell’acciaio, quindi macchinari immensi che sono in grado di tagliare e lavorare le putrelle e gli acciai utilizzati per costruire ponti e grattacieli.

Una cosa fantastica, un mondo completamente nuovo in cui non mi ero mai affacciata. Hanno persino l’Academy of Technology interna.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! prove macchinari robot su acciaio

Il primo giorno – e non solo quello! – è stato completamente una scoperta.

La prima novità è stata la consegna del badge: mi hanno dovuto spiegare come si timbrava (entrando ed uscendo nelle due direzioni) perché non ne avevo mai visto uno!

Ho incontrato subito i direttori della parte di stabilimento che mi era stata assegnata e mi hanno spiegato cosa avrei dovuto fare.

Avrei affiancato le persone che lavoravano su un robot antropomorfo per il taglio al plasma dell’acciaio.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! officina macchinari bracci meccanici

Quante cosa da imparare!

Mi ero fatta tante idee su questo robot, ma quando l’ho visto era una cosa completamente diversa da quella che mi ero immaginata.

Il braccio in sé era sì il classico braccio robotico di quelli che si vedono nelle grandi aziende e in televisione,… una sorta di braccio meccanico.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! bracci meccanici robot

Quello che però cambiava era tutto il contorno. Questo braccio era un braccio che tagliava al plasma.

Io già conoscevo il plasma in quanto mio papà ne ha una versione molto più piccola e avevo giocato tante volte con lui in officina: pensate che con una lamiera disegnata ed incisa mi ero ritagliata Titti.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! progetto per collaudo macchina

Questo plasma però era molto più grande, immenso e riusciva a tagliare delle putrelle davvero spesse.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! carrelli elevatori

Scoprire come funzionano i macchinari

Il robot era chiuso in una camera in quanto, durante il taglio, non si poteva entrare, lo si poteva soltanto guardare dai vetri.

Le barre che entravano per la lavorazione erano anche lunghe 6-8-10 metri.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! braccio meccanico plasma

Sono entrata in punta di piedi in azienda, ho conosciuto tutti i vari team e mi ha stupito l’organizzazione maniacale, così come il modo in cui le varie figure professionali, dall’operaio al direttore, collaborano.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! disegno tecnico macchine robot ingegneria per collaudo

All’inizio io non sapevo niente. Dopo le prime presentazioni mi hanno un po’ tutti ‘ignorato’.

Ognuno di loro aveva mille cose da fare, era presissimi dal lavoro e la macchina su cui stavano lavorando doveva essere finita in fretta per andare dall’altra parte del mondo ed essere consegnata al cliente.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! strumenti officina robot

Io potevo semplicemente guardare.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! macchinari da programmare robot

Per capire, non potevo far altro che chiedere!

Dopo un po’ ho cominciato a fare domande, a fare domande a tutti.

All’inizio è stato parecchio difficile: non riuscivo a capire molto gli ingegneri, perché parlavano tutti per schemi e sigle preconfezionate che io non ero in grado di comprendere.

Mi mancavano proprio le basi di quello che loro facevano.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! braccio meccanico in azione

Così sono scesa in officina tra lo stupore di tutti e ho cominciato a parlare con gli operai e a fare domande a loro.

Lì capivo qualcosina in più in quanto tante strumentazioni che loro utilizzavano le avevo già viste, più piccole, in officina da papà.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! prova taglio su acciaio

Loro si stupivano del fatto che io sapessi qualcosa. Io però ho subito chiesto loro di aiutarli e rendermi utile.

Tutti ancora più perplessi, e io ero affascinata dall’enorme carro ponte. Una cosa che non avevo mai visto!

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! risultato prova collaudo macchina plasma

Dopo un po’ di reticenza iniziale mi hanno permesso di cominciare a muovere il carro ponte e a fare le operazioni più semplici. Per me era una cosa fantastica!

Una ragazza in officina per l’alternanza scuola lavoro

Gli operai a dire la verità non capivano molto come mai una ragazza fosse affascinata dal lavorare in officina, ma voi ormai sapete come sono fatta!

Non importa l’ambiente e il luogo: se posso imparare e sperimentare qualcosa… è perfetto per me!

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! risultato prova collaudo macchina plasma forme

Piano piano, giorno dopo giorno, ho cominciato a lavorare anche con gli ingegneri, a studiare un po’ i software su cui loro progettavano.

Le mie domande erano pressanti, mi hanno così spiegato come si costruiscono le mappe su cui poi il taglio plasma lavorava.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! risultato prova collaudo macchina

All’inizio ho fatto delle prove con delle mappe che funzionavano su assi cartesiani, le più semplici, per arrivare poi a capire come si realizza un disegno scalabile.

Sono riuscita a programmare una macro usando delle misure parametriche.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! all'interno della struttura Ficep

A me piaceva un sacco, ho cominciato a disegnare e tagliare semplici quadrati e cerchi, ma sono subito passata a cimentarmi con la complessità.

Veri e propri disegni, un po’ come avevo già fatto a casa con Titti, ma qui, in maniera computerizzata, era tutto molto più efficace e soprattutto divertente.

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! forma ritagliata su acciaio

Un pizzico di fantasia per il collaudo

Gli ingegneri mi hanno detto che per collaudare la macchina dovevano provare ogni tipo di taglio possibile.

Io li ho presi alla lettera e loro… mi hanno detto che la stella è una bella idea per il collaudo e ci siamo messi al lavoro!

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! forma mandala plasma

Stelle, cuori, fiori,… e quando il disegno risultava scalabile e funzionava, ero contentissima!

Vedendo la mia curiosità mi hanno spostato su una macchina più adatta e tutte le persone che avevo intorno, dopo pochi giorni, facevano a gara per insegnarmi e farmi domande.

Vedete che è possibile cambiare i pregiudizi? Sempre con positività e cercando di non disturbare troppo!

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! forma mandala plasma acciaio

A proposito di grandi aziende, avete già visto come facciamo i laboratori con i manager?

L’apprendimento in alternanza

Mi hanno così spiegato come utilizzare meglio il software, come affinare la tecnica che avevo scopiazzato dagli ingegneri e sperimentato.

La mia capacità poteva essere decisamente migliorata.

In men che non si dica sono riuscita a stampare e tagliare delle farfalle scalabili, dei disegni molto più complessi e mi hanno anche insegnato cosa significasse e come si facesse a fresare.

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! braccio meccanico in funzione

Il passaggio alla realizzazione di un mandala è stato immediato. Un mandala scalabile bellissimo!

Alcuni vantaggi 😉

Ogni tanto essere ragazza, l’unica ragazza in un mondo completamente maschile, ha i suoi vantaggi: tutti erano increduli davanti al mio entusiasmo, lo scetticismo iniziale erano stato disgregato e tutti facevano a gara per rispondere alle mie domande ed aiutarmi.

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! ritagli plasma prove macchine collaudo

Non si finisce mai di imparare

I miei pezzi erano talmente belli – ed insoliti per quell’officina – che mi hanno mandato a verniciarli e a sabbiarli a mano.

E io continuavo a vedere ambienti nuovi, lavorazioni nuove, persone nuove e soprattutto ad imparare, imparare, imparare!

E mi divertivo sempre di più!

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! mandala su acciaio verniciato e sabbiato

Le persone che ho incontrato sono state un altro importante valore aggiunto all’apertura mentale ed alla contaminazione con mondi che non mi appartengono.

Questa esperienza di alternanza scuola lavoro mi ha permesso di toccare con mano l’importanza di hard e soft skill entrando in punta di piedi tra le dinamiche interpersonali in un’azienda così grande come la Ficep.

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! mandala su acciaio appena plasmato

Una bellissima esperienza

Tutte persone altamente qualificate, di livelli elevati, che hanno sempre avuto un atteggiamento speciale nei miei confronti.

Anche solo in mensa o nelle pause quando, dopo pochi giorni, mi incontravano, venivano a salutarmi e a conoscermi perché avevano sentito parlare di me in azienda.

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! macchina braccio meccanico

Io facevo sempre domande a tutti: come vivevano, cosa pensavano, qual era stata la loro formazione, perché avevano fatto quelle scelte… pensate in FICEP si fanno anche 300 giorni di trasferte all’anno in giro per il mondo.

Ho appreso il loro entusiasmo, la loro stanchezza, i loro problemi e le loro soddisfazioni… Un’esperienza che mi ha fatto crescere tantissimo. Questa può essere l’alternanza scuola lavoro!

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! le mie forme di collaudo plasmate

Incontrare persone che, con le loro storie completamente diverse, si intersecano è stata per me un’opportunità unica, così come scoprire l’acciaio e la sua lavorazione.

La mia #esperienza di #aleternanza #scuola presso @Ficep è stata incredibile! Ho avuto la possibilità di vedere dall'interno una grande #azienda! @frao92 @ofpass1on Condividi il Tweet

alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! mandala in lavorazione

È incredibile quello che si riesce a fare con un materiale duro e pesante come il ferro e… come si ottiene il risultato perfetto?

Semplice: con gli strumenti giusti e le persone intorno disposte ad insegnarti.

L'alternanza scuola lavoro è una grande opportunità! rana lavorazione plasma acciaio

…un po’ la metafora della vita, non trovate?

Festival delle scienze di National Geographic a Roma

National Geographic organizza ogni anno a Roma un grande evento dedicato alla scienza, alla tecnologia e al mondo delle STEM.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. laboratorio vale e frao

Iniziamo i nostri laboratori al National Geographic

Francesco ed io eravamo presenti con i nostri laboratori di robotica ed è stato un evento davvero molto interessante all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. laboratorio makeymakey valeria e francesco

Il tema dell’evento è stato ‘la causa delle cose’.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. laboratorio makeymakey valeria e francesco gruppo dreamers

Lo studio delle cause e delle relazioni causali è un tema fondamentale in ambito scientifico e filosofico.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. laboratorio gruppo valeria e francesco

Il fitto programma ha visto la presenza di scienziati, filosofi, storici della scienza, giornalisti ed artisti.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. inizio evento vale e frao

Tantissimi appuntamenti

Sono stati oltre 40 gli appuntamenti divisi in quattro macro-temi: terra e ambiente, pensiero e creatività, società e legge, tecnologia e realtà.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria cagnina e dreamers

Presente anche Karman, premio Nobel per la pace 2011.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria cagnina francesco baldassarre laboratorio

Sono stati affrontati grandi temi e riflessioni sulle cause e gli effetti legati al libero arbitrio, alla filosofia, alla musica, all’arte, al rapporto uomo natura.

FFestival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria e francesco laboratorio

Tanti spettacoli interessanti ed una sezione education molto ampia e dall’offerta variegata.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria laboratorio makeymakey

Tantissime scuole ai nostri laboratori

Noi abbiamo portato i nostri laboratori nei quali tantissime scuole della capitale si sono avvicendate ad un ritmo serratissimo.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria e francesco viaggiare

I bambini erano contenti ed entusiasti di far suonare la frutta e di costruire e portare a casa la loro rana o il loro pesce con gli occhi che si illuminavano coi led.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria laboratorio scuole

Facendo girare numeri molto grandi non abbiamo potuto fare la scenetta educativa che non manca mai nei nostri laboratori in sede!

Il nostro programma al Festival delle Scienze di National Geographic

La giornata si svolgeva alternando i due laboratori di Makey Makey e FroggyLed.

Vi ricordate questi laboratori vero? Li avevamo già proposti ed erano stati un successo!

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. programma laboratori robotica vale e frao

I bambini hanno imparato divertendosi i concetti di circuito aperto e chiuso, di conduzione e hanno imparato ad accendere i led con una pila.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria documentario durante l'attività

Da qui peer to peer education e reverse mentoring nel momento in cui il primo partecipante riusciva da solo ad accendere i suoi led.

E’ sempre incredibile come un qualsiasi concetto, spiegato da un pari, funzioni meglio di mille nozioni teoriche di noi grandi!

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria e francesco laboratorio ragazzi e bambini

Sono rimasti tutti affascinati dai nostri laboratori, soprattutto i dreamers rimanevano a bocca aperta!

Al #festival delle #scienze di #NationalGeographic a #Roma abbiamo portato i nostri #laboratori di #robotica. Tutti i #dreamers sono rimasti a bocca aperta. @NatGeo @Frao92 @ofpass1on Condividi il Tweet

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria intervento

Sono stati tantissimi gli insegnanti interessati alla nostra scuola ed alle nostre attività così particolari.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria stand

Tanti enti ed aziende ci hanno chiesto info sui corsi. Infinite poi le interviste, magari qualcuno di voi ci ha anche visto in tv! 😉

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. dreamers froggyled

Agenda piena di appuntamenti al National Geographic

La nostra settimana è stata un incredibile andirivieni su e giù per l’Italia.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. Valeria intervista

Non solo i laboratori di robotica al National Geographic a Roma, ma anche tanti altri appuntamenti a Milano e qui in zona ad Alessandria.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria e francesco roma

Per fortuna oggi è possibile in sole 3 ore andare da Milano a Roma in treno!

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria cagnina intervista

Contemporaneamente abbiamo portato la nostra metodologia educativa al termovalorizzatore di Silla dove abbiamo fatto costruire tanti strandbeest ad un gruppo di ragazzi delle superiori che si sono dimostrati entusiasti.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria cagnina intervista laboratori robotica

C’erano poi i nostri corsi settimanali già fissati ed i nostri appuntamenti in zona.

Francesco ed io ci siamo letteralmente sparati l’Italia su e giù almeno 5 o 6 volte a testa durante questa settimana!

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. valeria cagnina makeymakey

Partecipazione delle scuole

Al mattino le scuole partecipavano ai nostri laboratori di National Geographic con i loro insegnanti: tantissimi bambini di qualsiasi provenienza ed estrazione sociale.

Un vero mix, di quelli che ci piacciono tanto.

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. riprese durante l'attività

Gli insegnanti ci hanno fatto un sacco di domande, non solo sulla nostra attività ma anche – e soprattutto – sul nostro metodo educativo, sulle 10 regole, sulla nostra passione…

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. bambini e ragazzi dreamers

Al pomeriggio l’utenza libera ha visto i genitori interessatissimi e pensate che non facevamo neppure togliere le scarpe!

Avete idea di quante volte i genitori erano i più interessati? Dovevamo sempre ricordare loro che il laboratorio era per i bambini, non per gli adulti! 🙂

Festival delle scienze di National Geographic a Roma. registrazione documentario attività

Si riparte ora con un programma fittissimo nei prossimi mesi che ci porterà in giro per l’Italia, per l’Europa e per il mondo.

Siete pronti a seguirci?

Costruire il robot artista tra arte e tech

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. laboratorio

Domenica scorsa abbiamo costruito, insieme a tanti Dreamers, il robot artista!

Tra arte e progettazione. Robot costruito con entusiasmo

E’ stato molto divertente e coinvolgente.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Bambini e ragazzi durante il laboratorio

Atterraggio ad Arteland

L’attività inizia con una scenetta, ideata e scritta da noi, con la quale introduciamo l’argomento trattato e cerchiamo sempre di far arrivare ai partecipanti di ogni età, un messaggio educativo.

Preparazione scenetta Arteland

La scenetta in questo caso era ambientata sul pianeta Arteland, un luogo in cui il gusto del bello, l’arte e i colori la facevano da padrone.

Preparazione trucco scenetta Arteland

I protagonisti del robot artista

I protagonisti erano Euclide (interpretato da Francesco) un progettista di grandi opere e infrastrutture e Pabla una pittrice e amante dell’arte e della musica (interpretato da me).

Valeria e Francesco in Pabla ed Euclide

Un giorno ad Euclide, mentre girovagava per lo spazio, si guasta l’astronave ed è costretto ad un atterraggio di emergenza sul pianeta Arteland.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Scenetta Vale e Frao

Mentre cerca di aggiustare l’astronave incontra Pabla che sta dipingendo.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Scenetta Vale e Frao in Arteland

Si sviluppa così un’interessante discussione tra i due che mette al centro le caratteristiche di ciascuno.

Da un lato: bianco e nero, freddi calcoli, geometria e matematica, cemento e opere, grandi infrastrutture…

Dall’altra parte arte, gusto del bello, musica e colori.

Attività Vale e Frao

Messaggio ai Dreamers

Lo sfondo educativo che abbiamo voluto dare alla storia è stato particolare e studiato in funzione dell’alto numero di partecipanti e delle diverse età a cui appartenevano.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Inizio attività con bambini e ragazzi

I due protagonisti capiscono che le loro discussioni partono da posizioni opposte.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Durante l'attività con bambini e ragazzi

Unendo i due pensieri contrapposti e imparando ad ascoltarsi a vicenda, capiscono che può nascere davvero qualcosa di unico e di costruttivo!

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. fine attività in aula

Si trasmettono in questo modo, in maniera molto semplice, concetti complessi, soprattutto se visti in funzione dell’età dei partecipanti.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. per iniziare

Argomenti come diversità, confronto, discussione, pensiero laterale,… vengono mediati ai Dreamers in maniera semplice ed immediata.

Tramite il robot artista ci si confronta

Senza tante lezioni teoriche si impara a discutere e confrontarsi senza giudizio, focalizzando la discussione sull’oggetto e non sulle persone.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. per iniziare a conoscersi

Per ideare il copione mi sono ispirata al mio primo approccio al MIT di Boston.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. attività in aula

Sono rimasta immediatamente colpita sia dalla quantità di idee che venivano prodotte in qualsiasi contesto ed in qualsiasi ambiente, sia – soprattutto – dal modo in cui venivano esposte e discusse.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. impariamo costruendo

Nei nostri ambienti quotidiani troppo spesso abbiamo paura di mettere in campo le nostre idee se sono diverse da quelle del nostro interlocutore.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Soddisfazione

Là invece era considerata da tutti ed a tutti i livelli, una vera risorsa, la differenza di punti di vista.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. stanza scarpe

Si discuteva tantissimo su ogni argomento, lo si argomentava e non si giudicava mai la persona che parlava, ma sempre e solo l’argomento.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. impariamo in modo costruttivo

Crediamo fortemente che si debba imparare fin da piccoli questo modo di relazionarsi, sia nel lavoro che nella vita quotidiana. Fa parte di quelle soft skill così indispensabili!

Nasce così il testo di questa scenetta che unisce il lato progettuale e pratico di Euclide, con tutti i suoi numeri, a quello artistico e con il gusto del bello di Pabla.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. team working

Anche se non ce ne rendiamo conto i bambini, anche quelli più piccoli, assorbono senza grandi lezioni teoriche questi modi di fare quando li trovano.

Lo fanno tutti i giorni.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. laboratorio per qualsiasi età

Cerchiamo così di dare loro un po’ di apertura in più.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Vale. Iniziamo a costruire

I Dreamers erano davvero entusiasti davanti a questo semplice copione ed interagivano costantemente.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. Valeria e Francesco accoglienza

Abbiamo così unito la progettazione tecnica di Euclide all’arte di Pabla e con questi due elementi abbiamo realizzato il robot artista!

Nelle nostre #attività non ci sono #lezioni teoriche, si #impara a #discutere e #confrontarsi senza #giudizio, focalizzando la discussione sull'oggetto e non sulle persone. @frao92 @ofpass1on Condividi il Tweet

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. attività robotica

E ora… tutti all’opera per il robot artista!

Alcuni giochi iniziali fuori per conoscerci meglio, approfittando della bella giornata nonostante la stagione, e poi tutti dentro l’aula al lavoro.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. bambini e ragazzi interagiscono durante la lezione

I nostri Dreamers restano sempre colpiti dalla nostra aula, dagli arredi, dalle scritte in inglese che cercano di tradurre.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. inizio decorazioni robot

Team working e soft skill

I più grandi aiutano i più piccoli e il team working è subito una realtà pratica.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. inizio decorazioni robot con tutta fantasia

Distribuiamo i nostri kit personalizzati e i Dreamers si trovano subito in mano tutto l’occorrente per la realizzazione del loro robot, che sarà unico in funzione della loro fantasia e creatività.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. in aula progettiamo

La prima parte di costruzione del robot è relativa alla struttura funzionante: motorino, batteria, fili,…

I Dreamers aprono il loro kit e cominciano subito a sperimentare in maniera pratica come far funzionare il motorino con i materiali forniti.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. reverse mentoring

La prototipazione, soprattutto nei più piccoli, è un concetto immediato.

I più grandicelli spesso hanno già un po’ paura di sbagliare, forse retaggio della scuola, dove l’errore non è un aspetto che solitamente viene valorizzato.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. ultimi ritocchi robot

Errore e sperimentazione

Nelle nostre attività diamo molto spazio alla sperimentazione ed all’errore, soprattutto quando ci troviamo davanti Dreamers che ci chiedono mille volte ‘è giusto?’, ‘è corretto?’, ‘si fa così?’.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista insieme

Rispondiamo sempre allo stesso modo: prova!

Se sbagli non succede niente, riproverai un’altra volta.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista insieme collaborando

Quando i primi Dreamers hanno capito come far funzionare i componenti di base, noi mentor facciamo un passo indietro. Quando ci chiedono come si fa o ci dicono che non sono riusciti, suggeriamo loro di farsi aiutare da chi è già riuscito.

Uniamo così al team working anche concetti di collaborazione e reverse mentoring.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista insieme unendo i vari concetti di collaborazione

Quando tutti poi sono arrivati a concludere la procedura relativa alla struttura del loro robot, diamo il via alla parte creativa.

Riteniamo che in ogni persona convivano in maniera naturale sia gli aspetti tech che quelli artistici, sia la creatività che le tabelle ed i numeri.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. liberi di creare

Non vogliamo limitare nessuno appiccicando inutili etichette, ma cerchiamo di fare in modo che ogni Dreamers possa esprimersi al meglio, in qualsiasi campo, senza limitazioni mentali.

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. liberi di esprimersi senza limitazioni mentali

Favoriamo in questo modo il supporto all’autostima di ogni Dreamers.

E’ incredibile come questa si alimenti in fretta nel momento in cui il robot, la loro creazione, si muove e funziona!

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. decorazioni super colorate

La prima regola della nostra scuola: ‘Niente è impossibile!‘ viene immediatamente fatta loro!

Perchè non sbirciate su questa pagina per farla anche un po’ vostra?

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. liberi di esprimere la loro immaginazione

Sviluppare creatività con il robot artista

Sviluppare la creatività significa semplicemente mettere a disposizione di ogni Dreamer un sacco di materiali di ogni genere, svariati, colorati, fuori contesto,… significa mischiarli tutti e dire: siete liberi, sperimentate, prototipate, trasformate, utilizzate,… tutto quello che la vostra fantasia vi suggerisce è perfetto!

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. anche i più piccoli progettano

I robot che i Dreamers sono in grado di realizzare ci lasciano ogni volta a bocca aperta! Sono bellissimi, coloratissimi e soprattutto originalissimi!

Tra arte e progettazione: costruiamo robot artista. soddisfazione della propria creatività

Un’altra cosa bellissima è vedere all’uscita le facce incredule dei genitori davanti alla complessità delle idee e delle realizzazioni dei propri figli.

Inutile dire che è anche la nostra soddisfazione più grande!

Laboratori a Lugano Ated4kids

Le nostre attività continuano a essere sempre di più internazionali. Questa volta la mia scuola, dove insegno robotica, tech e digitale, è atterrata a Lugano ad Ated4kids!

Laboratori a Lugano Ated4kids attività

Giornata della Tecnologia

Le nostre attività e laboratori, ai Laboratori di Lugano, sono stati i protagonisti per l’intera giornata dedicata alla tecnologia.

Laboratori a Lugano Ated4kids attività giornata tecnologia

I ragazzi dagli 11 ai 15 anni, presso i vari stand dei Laboratori di Lugano, hanno avuto la possibilità di sperimentare diversi programmi.

I nostri #laboratori per #bambini a #Lugano. @Frao92 ed io abbiamo fatto costruire tantissimi #Strandbeest, i #robot a vento. Condividi il Tweet

Laboratori a Lugano Ated4kids attività programma

I programmi presentati ai Laboratori di Lugano spaziano dai coding dai database, a Python passando per Scratch e mille altri laboratori.

Laboratori a Lugano Ated4kids attività presentazione

Strandbeest

Con le nostre attività, i ragazzi presenti ai Laboratori di Lugano, si sono divertiti con la parte hardware ed hanno sperimentato la Robotica tramite la costruzione di uno Strandbeest!

Laboratori a Lugano Ated4kids attività costruzione

Vi ricordate quei robot che avevo fatto costruire a Roma in fiera, alla Maker Faire?

Laboratori a Lugano Ated4kids attività costruire

Gli Strandbeest sono dei robottini con una capacità molto particolare!

Laboratori a Lugano Ated4kids attività robottini strandbeest

La forza del vento

Gli Strandbeest hanno la capacità di muoversi solo con la forza del vento, senza bisogno di batterie o motori! Sono fantastici!

Laboratori a Lugano Ated4kids attività forza vento

I ragazzi si sono divertiti un sacco a costruire i Strandbeest e sono stati bravissimi. Si sono cimentati con il team working ed il reverse mentoring.

Laboratori a Lugano Ated4kids attività ragazzi

La cosa che mi ha fatto piacere è che i Dreamers, i ragazzi, si sono informati sulla nostra scuola navigando sui nostri canali social e sul nostro sito.

Laboratori a Lugano Ated4kids dreamers

Ai Laboratori di Lugano, i ragazzi sono arrivati con tantissime domande e tanta curiosità.

Laboratori a Lugano Ated4kids curiosità

Pensate che nella presentazione finale, nella quale abbiamo raccontato meglio le nostre regole e spiegato perché non siamo una scuola normale, i ragazzi erano tutti attentissimi e noi eravamo pronti a rispondere ad ogni loro domanda. Sono state tantissime!

Laboratori a Lugano Ated4kids dreamers attentissimi

Fantastici Dreamers

I ragazzi, alla fine dell’esperienza ai Laboratori di Lugano,  sapevano persino il significato di alcuni termini come Coderdojo, bitcoin, blockchain, deep learning,… e noi ne siamo rimasti piacevolmente stupiti!

Laboratori a Lugano Ated4kids dreamers laboratorio

La parte che ci ha colpito di più, è vedere i ragazzi entusiasti quando il loro robot, che poi hanno portato a casa, muoveva i primi passi!

Laboratori a Lugano Ated4kids ragazzi entusiasti

Dopo aver ascoltato la nostra presentazione, tutti i ragazzi, si sono fiondati, nel vero senso della parola (!), sulle nostre locandine dei summer camp per avere maggiori informazioni.

Laboratori a Lugano Ated4kids presentazione

Li aspettiamo davvero tutti a braccia aperte!

Laboratori a Lugano Ated4kids attività dreamers

Riprese e interviste

Mentre costruivamo i nostri specialissimi Strandbeest, hanno immortalato i nostri passaggi e le nostre spiegazioni facendoci dei video e delle interviste.

Laboratori a Lugano Ated4kids intervista

Hanno ripreso anche la nostra attività con i ragazzi.

Laboratori a Lugano Ated4kids ripresa attività

Ai Laboratori di Lugano, tutti i ragazzi sono stati bravissimi e sono riusciti a far camminare i loro Strandbeest.

Laboratori a Lugano Ated4kids video attività

Siamo molto soddisfatti di questa esperienza ai Laboratori di Lugano.

Laboratori a Lugano Ated4kids soddisfatti

E’ sempre bello vedere i ragazzi contenti e sopratutto entusiasti dopo essere riusciti a costruire un robot che all’inizio pensavano fosse impossibile.

Laboratori a Lugano Ated4kids robot

D’altronde la prima regola della nostra scuola è proprio quella: Niente è impossibile!

Laboratori a Lugano Ated4kids robot costruzione

Al termine Francesco ed io abbiamo presentato la nostra scuola, le nostre attività, il nostro modo di concepire l’education completamente diverso da quello a cui tutti siamo sempre stati abituati.

Laboratori a Lugano Ated4kids laboratorio

Abbiamo riscontrato un grande successo e soprattutto tantissimo interesse sia da parte dei genitori, che dei ragazzi, che di tanti insegnanti presenti.

Laboratori a Lugano Ated4kids laboratorio gruppo

Dopo avervi però parlato così tanto di strandbeest… adesso vogliamo anche farveli vedere.

Laboratori a Lugano Ated4kids laboratorio gruppi

Questo video l’ho girato su una delle spiagge più famose della Puglia, probabilmente tanti di voi la riconsceranno: Punta Prosciutto.

Qui di seguito invece la nostra presentazione a Lugano. Buona visione!

 

x

 

Alla Maker Faire Roma con uno stand tutto mio

maker faire roma il mio stand

Un’avventura che ormai è per me un appuntamento fisso da diversi anni.

maker faire roma il mio stand

Avete indovinato?

maker faire roma il mio stand

Naturalmente la Maker Faire Roma che ogni anno diventa sempre più grande e più interessante.

maker faire roma il mio stand

Il mio stand alla Maker Faire Roma

Quest’anno ho vissuto la Maker Faire Roma in maniera diversa non semplicemente da visitatore o da speaker come le altre volte.

maker faire roma il mio stand

Vi ricordate che due anni fa avevo aperto l’Opening Conference nell’aula magna della Sapienza con il mio discorso sul mondo che vorrei e su come la rete crei legami e che l’anno scorso avevo animato e raccontato tutta la parte dei droni della Maker Faire Roma alla voliera?!?

maker faire roma il mio stand

Quest’anno ho vissuto un’avventura completamente nuova, diversa e molto molto arricchente, divertente ma anche impegnativa: quest’anno infatti sono stata maker espositore.

Il mio stand alla #MFRome come maker espositore Condividi il Tweet

maker faire roma il mio stand

Avevamo uno stand FabLab nell’area Kids della Maker Faire Roma in cui facevamo fare un sacco di diversi laboratori ai bambini a partire dei più piccoli che avevano tre anni.

maker faire roma il mio stand

Tante scuole, bambini ed insegnanti

Il primo giorno il mattino era dedicato alle scuole e noi abbiamo cominciato con la una scheda elettronica Makey Makey che permette di far suonare la frutta e far interagire col computer qualsiasi oggetto che conduca o che abbiamo acqua all’interno.

maker faire roma il mio stand

Tutti i bambini sono stati contentissimi e sono passati dal nostro stand davvero tantissime classi i cui insegnanti erano affascinati dal fatto che fossi così giovane a fare queste cose.

maker faire roma il mio stand

Tutti i diversi bambini si sono messi in gioco ed erano molto incuriositi da come la frutta potesse suonare, di come una frutta normalissima, semplicemente collegata ad un filo, potesse prendere vita in maniera divertente.

Tantissimi bambini e insegnanti al mio stand alla Maker Faire Rome 2017 Condividi il Tweet

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Al pomeriggio è cominciata la parte vera e propria del nostro laboratorio alla Maker Faire Roma: abbiamo cominciato a far costruire gli Strandbeest.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Sapete cosa sono?

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Ve ne avevo già parlato anche su questo blog.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Sono dei robot che si muovono solamente con la forza del vento, nascono in kit e sono completamente assemblati direttamente dai bambini con dei pezzi ad incastro che permettono di dar vita a questi robot.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Questi robot nella realtà sono davvero giganteschi.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Il loro creatore è olandese e li fa anche grandi mt. 12×12 o anche di più, li libera sulle spiagge e diventano veramente delle creature che anziché mangiare il cibo mangiano il vento e si muovono solo col vento.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

L’obiettivo del loro creatore è quello di riuscire a creare una nuova generazione di creature in grado di muoversi da sole per le spiagge, senza distruggersi, con sistemi di bottiglie che immagazzinano il vento per permettere loro di muoversi anche in assenza di vento, oppure che capiscono, tramite il cambio di densità, quando sono troppo vicini al mare e devono allontanarsi, oppure riescono perfino a capire se c’è troppo vento e quindi sono in grado di picchettarsi da soli e aspettare che il vento diminuisca. Tutto senza utilizzo di motori ed energia.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

I nostri laboratori per costruire il robot a vento

Noi ovviamente abbiamo fatto costruire una miniatura, per far capire ai bambini come funziona questo meccanismo e magari chissà saranno proprio loro a costruirne di giganti.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Dal nostro stand sono passati davvero tantissimi bambini di qualsiasi età a partire dai più piccoli che avevano 3-4 anni fino ad arrivare anche ad adulti che lo costruivano per loro.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Pensate che l’abbiamo perfino fatto costruire a dei bambini inglesi e spagnoli che erano entusiasti e davvero molto molto svegli.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Una cosa un po’ buffa che voglio raccontarvi è quella di una nonna che ha preso uno Strandbeest, ma non per i suoi nipoti. Lo ha chiesto già montato perché non aveva voglia di mettersi lì a montarlo e lo volevo da mettere come soprammobile in salotto.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Tanti amici in posa con il mio Strandbeest

Durante questa fiera ho avuto modo di re-incontrare vecchi amici, ma anche di conoscere tantissime persone nuove che prima conoscevo magari soltanto sui social e adesso ho avuto l’opportunità di incontrare di persona.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Sono in tanti ad essere passati al mio stand per la foto di rito con lo Strandbeest.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Impossibile postarli tutti!

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Tutti coloro che passavano dal nostro stand, di qualsiasi età, erano davvero incuriositi dal nostro Strandbeest, un robot un un po’ fuori dal comune, un robot che mangia solo vento e non è alimentato da nessuna batteria.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

È stato bello vedere genitori che portavano i loro bambini e ragazzi a costruire questo robot un po’ perplessi, pensando che i loro figli non sarebbero mai riusciti a costruirne uno e vedevano i figli tornare con il loro robot finito e si stupivano delle capacità e potenzialità dei loro figli.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Tra gli stand della Maker Faire Roma

Quest’anno la Maker Faire Roma l’ho girata poco, perché ero sempre fissa allo stand per far costruire Strandbeest a tutti i bambini curiosi, però c’erano davvero tantissime attività, laboratori e stand con robot molto particolari alcuni che non pensavo potessero esistere.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Un robot che mi ha particolarmente colpito è stato un esoscheletro che poteva essere indossato e con questo potevi andare in giro per la fiera, completamente stampato in 3D ed era veramente immenso.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina ed il ministro calenda

Pensate che mi hanno persino presentata al Ministro Calenda!

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Chissà cosa stava succedendo di così divertente con quel robot!

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Pronta per tante fiere in Italia e all’estero

Allestimento e logistica della fiera sono stai per me una nuova opportunità per cimentarmi in nuove sfide.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Sono tantissimi gli aspetti a cui si deve pensare.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Tuttavia questo mi ha permesso di capire meglio tante cose ed essere prontissima per i tanti eventi e le numerose fiere che mi aspettano nei prossimi mesi.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Sono davvero tante, in italia e all’estero, le avete già viste tutte nella mia pagina dedicata ai prossimi eventi?

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Ho poi avuto modo di rilasciare tantissime interviste, sono davvero tante le persone che sono venute a cercarmi da tutta Italia sapendo dei miei laboratori.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Pensate che dalla Sardegna sono arrivati gli amici del FabLab Sulcis con cui abbiamo in programma tantissimi appuntamenti ed eventi.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Potrete trovarmi diverse volte in Sardegna, la prossima occasione sarà la settimana Rosa Digitale.

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Dalla Maker Faire torno con tantissime idee, sogni, obiettivi da realizzare e tantissime nuove attività da fare davvero stupefacenti seguitemi per scoprire le mie prossime pazzie!

maker faire roma il mio stand valeria cagnina

Visitare gli uffici di Facebook in California

Visitare gli uffici di Facebook è un sogno? Non è detto!

Avete tutti presente la Silicon Valley, giusto?

Visitare gli uffici di Facebook in California welcom to facebook valeria cagnina

Quel posto in California in cui nascono e crescono le più grandi aziende tech al mondo.

Visitare gli uffici di Facebook in California strada social network

Un posto in cui molti vanno per girare nelle strade e fotografare i cartelli delle aziende da fuori, ma in cui quasi nessuno entra perché sono posti blindatissimi.

Visitare gli uffici di Facebook in California entrata giardino

Io invece… sono riuscita a visitare gli uffici di Facebook, il social network per eccellenza o forse meglio dire di uno dei primi social inventati.

Visitare gli uffici di Facebook in California locale socia network

Alla scoperta della Silicon Valley

Ebbene sì! Ho avuto l’opportunità di visitare gli uffici di Facebook il famoso social! Proprio lì in Silicon Valley al numero 1 di Hacker Street!

Visitare gli uffici di Facebook in California locale presso Hacker Street

Prima di raccontarvi questo luogo super, voglio spiegarvi come ho fatto ad arrivare lì.

Visitare gli uffici di Facebook in California locale di svago presso Hacker Street

Indovinate un po’! Come al solito ho cominciato a mandare tantissime mail a tutte le persone che conoscevo in Italia che lavoravano per grandi aziende e potevano essere un contatto.

Visitare gli uffici di Facebook in California passeggiare tra gli uffici

Un po’ di tempo fa, ad un evento del Salone dello Studente di cui vi avevo raccontato, avevo avuto l’onore di parlare sul palco con il numero uno di Facebook Italia e così…quale occasione migliore per ricontattarlo?

Visitare gli uffici di Facebook in California ufficio learning center Hacker street social network

Uno scambio di mail con persone che lavorano per Facebook in diverse parti del mondo ed eccomi pronta a partire per la California con un appuntamento fissato per visitare gli uffici di Facebook.

Visitare gli uffici di Facebook in California negozi shop hacker street

Appuntamento per visitare gli uffici di Facebook

Il grande giorno della mia visita si avvicina… non vedo l’ora di vedere questi uffici!

Visitare gli uffici di Facebook in California negozi shop hacker street coloratissimi

Appena arrivati davanti all’ingresso di Facebook cominciamo a compilare un sacco di moduli. A parte le aree comuni, è vietato fare foto e riprese.

Visitare gli uffici di Facebook in California negozi shop hacker street vale e frao

Veniamo accolti da un ragazzo italiano, Giorgio, che lavora in quegli uffici da 4 anni e si è trasferito a San Francisco con la moglie.

Un'esperienza unica #visitare gli #uffici di #Facebook nella #SiliconValley in #California. @Frao92 Condividi il Tweet

Visitare gli uffici di Facebook in California capo team Big Data e valeria cagnina

Una storia davvero interessante

Giorgio ci racconta così la sua storia, volete sapere come ha fatto ad arrivare lì? Ha cominciato ad interessarsi a canzoni in inglese mentre i genitori gli dicevano di non perdere tempo con la musica, ha continuato ad interessarsi ai videogiochi mentre gli veniva detto di fare qualcosa di utile e… è stato contattato direttamente da Facebook tramite LinkedIn!

Visitare gli uffici di Facebook in California valeria cagnina

Il tutto mentre ancora studiava. Capito l’importanza di un profilo serio sui social?

Visitare gli uffici di Facebook in California importanza profili social

Attenzione: per serio intendo la sostanza (quello che sai fare), non la forma (lui ha i capelli blu!). 😉

Dopo diversi colloqui lunghissimi è stato scelto.

Visitare gli uffici di Facebook in California visitare edifici hacker street

Si occupa di Big Data. E’ a capo di un team. E’ felice e soddisfatto della sua professione.

Visitare gli uffici di Facebook in California Big Data soddisfatto della sua professione valeria cagnina

Le ore volano all’interno di Facebook

Ci ha fatto vedere un sacco di luoghi di Facebook e mi ha fatto tante domande sulla nostra attività, così gli ho raccontato delle nostre 10 regole:

Dalla parte “più vecchia” in cui ci sono mille tipi di ristoranti e intrattenimenti diversi, veramente per tutti i gusti, alla palestra interna, alla zona di Fablab fatta con stampanti 3D ed altri strumenti per costruire e molto molto altro.

Visitare gli uffici di Facebook in California vedere un sacco di luoghi

Facebook è una grande azienda in forte espansione che in pochi anni ha raddoppiato il numero di dipendenti e ha creato l’openspace più grande al mondo e ora lo sta per raddoppiare nuovamente creando un altro edificio, della stessa grandezza, accanto.

Visitare gli uffici di Facebook in California all'interno

Facebook è veramente una realtà immensa, con tantissime persone e con una crescita esponenziale altissima.

Un onore aver potuto vedere dall’interno una realtà tech come questa!

Visitare gli uffici di Facebook in California all'interno realtà tech

Il quartier generale di Facebook

Il quartier generale è una vera e propria città e all’interno si trova tutto: ristoranti di ogni genere e negozi, fino ad arrivare ad una banca e ad un artigiano che ripara le biciclette.

Visitare gli uffici di Facebook in California quartiere generale

Le grandi aziende cercano di agevolare al massimo i dipendenti per fare in modo che non debbano perdere ore ed ore di tempo (gli spostamenti a San Francisco sono davvero lunghissimi per via delle enormi distanze e del traffico).

Visitare gli uffici di Facebook in California quartiere generale Giorgio Big Data e Valeria

Sapete cosa rappresenta questa foto sotto? Il retro del totem enorme che vedete qui sopra con la scritta Facebook.

Visitare gli uffici di Facebook in California retro scritta facebook quartiere generale

E’ il totem della vecchia azienda fallita dalla quale Facebook ha acquisito gli spazi per fondare il suo quartier generale.

Viene tenuto lì come una sorta di monito a lavorare sempre bene!

Alla Scuola Dante di Casale (AL) hanno apprezzato i miei robot

E’ stato bellissimo essere invitata alla Scuola Dante di Casale Monferrato (AL) dove i miei robot ed il mio intervento sono stati molto apprezzati.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Mi aspettavo un po’ il classico intervento in cui racconto un po’ la mia esperienza e mi fanno un po’ di domande, è stata invece un’esperienza completamente nuova e particolare. Non mi sembrava nemmeno di essere una scuola pubblica e invece la Scuola Dante lo è.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Inaugurazione dell’aula multimediale

Non solo uno spazio coinvolgente con mille ragazzi delle medie disposti ad essere a scuola il sabato pomeriggio, accompagnati dai loro genitori che hanno preso parte con interesse all’evento, ma oltre all’auditorium centrale dove sono state fatte le presentazioni iniziali, anche tutte le aule contrassegnate da lavori  disegni di ogni genere che accoglievano i partecipanti ai diversi laboratori.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Alla #scuola Dante di Casale Monferrato (AL) i miei #robot tra tanti ragazzi curiosi ed interessati. Condividi il Tweet

Uno spazio realizzato a misura di ragazzo in cui l’occasione per dar vita ad un evento di grande portata è stata l’inaugurazione dell’atelier creativo e dell’aula multimediale della Scuola Dante.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Ragazzi partecipi ed insegnanti coinvolgenti

E’ stato stupefacente vedere dei ragazzi così competenti, interessati e partecipi ai loro progetti, mettere alla prova i loro genitori che con curiosità si mettevano in gioco e testavano i componenti, imparavano le basi di Arduino grazie ad un insegnante che si è messo a spiegare come funziona un theramin, provavano Scratch, AutoCad, rendevano interattiva la grammatica attraverso dei giochi,…

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Vi assicuro che non mi sembrava proprio di essere in una scuola pubblica di una realtà relativamente piccola come Casale Monferrato.

In questo contesto così stimolante ho avuto l’onore di essere speaker e di tenere un laboratorio.

Tutti gli studenti della Scuola Dante erano stati preparati all’evento, mi conoscevano già e si erano già informati sulla mia storia e su quello che faccio online.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Lapo, un ragazzo dei miei corsi, mi ha anche aiutato col laboratorio.

Robot e stampanti 3D a disposizione dei ragazzi

Pensate che grazie a questo bando la scuola è riuscita anche ad acquistare computer, robot e persino una stampante 3D. Motore di tutto questo sono la Dirigente ed un’insegnante, Giulia, animatore digitale, che cercano di portare in classe la tecnologia per dare nuove opportunità al passo con i tempi ai ragazzi.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

Insieme cercano di contagiare i colleghi e spingere anche i più restii ad avventurarsi nel mondo tecnologico e robotico.

E’ stato un piacere parlare con la Dirigente della Scuola Dante, così aperta alla tecnologia anche se non la comprende fino in fondo.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

I miei laboratori consistevano in una dimostrazione di robot e nel provare la realtà aumentata, virtuale e mixata attraverso il visore nel quale si inserisce il cellulare.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

I ragazzi potevano cimentarsi con dinosauri che comparivano nella stanza, avevano la possibilità di immergersi in mondi assurdi, potevano salire sulle montagne russe, andare nello spazio o in mezzo ai pinguini.

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

E’ stata una bellissima esperienza per me, per i ragazzi e gli insegnanti erano molto contenti. La cosa più bella dell’aver impegnato in maniera costruttiva questa giornata, con tante possibilità di sviluppi futuri.

Stay Tuned, ne sentirete parlare presto!

scuola dante casale monferrato valeria cagnina

 

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti

Laboratori di robotica

Tra uno stage e l’altro, in questo weekend tra Varese e Bruxelles, eccoci a tenere dei laboratori di Robotica ad Asti al Museo Paleontologico.

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti laboratori

I bambini che ci aspettano ai Laboratori di robotica sono veramente tanti già al mattino presto, curiosissimi di cominciare.

Sono tante le attività che facciamo di solito coi bambini e loro sono sempre entusiasti di sperimentare qualcosa di nuovo!

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti bambini curiosissimi

Corsi di MakeyMakey

Ai laboratori di robotica abbiamo iniziato le attività con la MakeyMakey!

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti MakeyMakey

La MakeyMakey è una piccola scheda elettronica che ha la capacità di far suonare qualsiasi oggetto!

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti suonare

Funziona collegando il circuito stampato alla pinza “a coccodrillo” che a sua volta è collegata a qualsiasi cosa o oggetto!!! La MakeyMakey può essere collegata ad oggetti metallici, piante, monete, cibo…

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti circuito stampato

Per azionare la MakeyMakey basta collegarla ad una USB di un PC e toccare l’oggetto o ciò che abbiamo collegato con la pinza!

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti USB

Ed ecco che inizia il divertimento!

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti divertimento

E’ un laboratorio che stupisce sempre grandi e bambini, infatti anche qui ha avuto un enorme successo.

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti grandi e bambini

I bambini che hanno partecipato ai laboratori di Robotica ad Asti erano di tutte le età.

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti per tutte le età

Dai più piccoli di 3 anni fino ad arrivare ai ragazzi di 14 anni.

Laboratori di robotica per bambini al museo di Asti ragazzi